Dalle stelle a Riverdale

Da qualche settimana è terminata la terza stagione di Riverdale per questo volevo parlarvi della serie. 
Riverdale è una serie televisiva statunitense di
genere teen drama basata sui personaggi del fumetto
degli Archie; la serie tv comprende, come personaggi
principali: Archie Andrews interpretato da KJ Apa, Betty Cooper
interpretata da Lili Reinhart, Veronica Lodge da Camilla
Mendes e Jughead Jones da Cole Sprouse. tutti
attori che hanno interpretato in maniera più o meno
esaustiva i loro ruoli dando ai propri personaggi quelle
carattereristiche iconiche che si poteva trovare nei fumetti; per questo lo sapevi che... 
  • Archie Andrews nella serie a fumetti non è esattamente come lo interpreta il nostro affezionato KJ. Infatti lo troviamo come  un ragazzino nerd, ben diverso dalla serie nella quale Archie abbandona questo suo lato per intraprendere la via del ragazzo che gioca  a Football, dal lato tenero quando canta e suona le sue canzoni, ma non abbandona il suo carattere da paladino della Giustizia, rimane sempre un ragazzo con la testa sulle spalle.
  •  Jughead Jones invece nella serie tv lo troviamo come un personaggio molto più solitario rispetto ai fumetti, circondato sempre dalla solita cerchia di amici, amante degli hamburger e migliore amico di Archie proprio come nei fumetti. Nella serie tv viene dato quel tocco in più dandogli la possibilità di narrare le vicende in ogni episodio, insomma un narratore onnisciente mentre le vicende strane e misteriose continuano ad avvenire, chi non ha pensato che dietro a molte vicende si celasse lui stesso?
  •  Betty Cooper nella serie tv ha più carattere, è molto più riflessiva, ha affrontato diverse situazioni difficili ed è costantemente preoccupata di non essere perfetta, di non essere come la  madre la desiderava; quindi cerca costantemente approvazione. Invece nella versione fumettistica Betty è molto più stereotipata, la perfetta rappresentazione della solita ragazza americana bionda.
  • Veronica Lodge, invece, nella serie tv fa parte dei buoni, la migliore amica di Betty, nei fumetti invece la loro amicizia passa in secondo piano soprattutto se si tratta di conquistare il cuore di Archie, per fortuna nella serie tv  non hanno utilizzato questi stereotipi e questi cliché e hanno rappresentato un'amicizia molto forte come abbiamo potuto vedere nell'ultima stagione . Veronica nei fumetti però è come la si presenta all'inizio della prima stagione ovvero una ragazza ricca e facoltosa, dal carattere duro, competitiva che sembrerebbe voler essere la prima in tutto e la migliore; per fortuna questo lato della nostra amata Veronica è stato oscurato nella serie.   
Tornando alla serie TV possiamo dire che queste tre stagioni sono state un po' un'evoluzione da ogni punto di vista, sia a livello di personaggi sia a livello cinematografico. Infatti i personaggi hanno subito, chi più chi meno mutamenti: caratteriali, sentimentale, sotto il punto di vista di sceneggiature abbiamo visto più effetti speciali oltre i semplici misteri, situazioni che potevano venirsi a creare anche nella realtà abbiamo l'introduzione di elementi quasi magici, alcune scelte forse dovute allo spin-off Le terrificanti avventure di Sabrina. Se all'inizio sembravano avvenimenti sporadici e distinti troviamo un filo conduttore nell'ultima stagione, un gioco di ruolo misterioso che aveva come un burattinaio mosso tutte le pedine sin dalla prima stagione. Vi è il ritorno di Black Hood uno spietato assassino plagiato e mosso dalla sua fede di eliminare tutti i peccatori dalla città, lo avevamo identificato come il padre di Betty Cooper, Hal, egli sarà verso la fine della stagione accanto al vero mistero di questa stagione: "Chi diavolo è il Gargoyle King", ogni puntata è stata un passo avanti verso la verità e due passi indietro di filo logico a mio parere, hanno messo molti elementi che alle volte creavano confusione, cozzavano con la narrazione. Tutti quando che volevano uccidere Archie identificato come il paladino rosso, personaggio del gioco di ruolo, ci provano in tutti i modi ma lui riesce sempre a salvarsi. I momenti di Odio et amo tra Veronica e Reggie, ma il vero amore verso Archie. L'arrivo della madre di Jughead e altri elementi che spero possano trovare futuro nelle prossime stagioni.
 Perché aggiungere il mistero della Fattoria? Ovviamente nella terza stagione poteva solo esserci un rincorrere gente vestita da Gargoyle? Assolutamente no!Si scopriranno più intrighi di quel che potevamo immaginare dietro a una semplice fattoria che forniva aiuto ai più bisognosi, il fiuto da detective di Betty aveva capito che ci fosse qualcosa di marcio e come al solito inizierà a fare le sue indagini per salvare anche dalle grinfie la madre Alice ( che si verrà a scoprire non essere propriamente una vittima ma era infiltrata per smascherare gli affari loschi della fattoria in collaborazione con suo figlio Charles, sì quello che pensavamo morto che poi è stato sostituito da uno psicopatico Chic, nonché agente dell'FBI).Si scoprirà alla fine della stagione chi si nascondeva dietro alla maschera da Gargoyle e l'artefice di tutto, Penelope Blossom, sconvolti? Io alla fine non lo sono stata tanto perché avevo intuito che in lei ci fosse qualcosa di sbagliato, all'epoca del Midnight Club lei era anche Game Master, ma passiamo alla domande.
Se l'uccisione di Jason non fosse altro che una missione? Possibile che abbiano ucciso il paladino rosso sbagliato? Al termine della puntata cosa vorrà dire quella scena al falò in cui bruciano il cappello di Jughead? Attendiamo una quarta stagione per vedere come si svilupperanno le vicende.
VOTI:
 Prima Stagione 4 stelle/5 
Seconda Stagione 4 stelle/5 
Terza stagione 3,5 stelle/5 
E tu cosa pensi di questa serie?La vorresti vedere? Hai iniziato a vederla ma non ti è piaciuta o la hai divorata?
Soprattutto preferite la versione originale con i sottotitoli o doppiato in italiano?

Commenti

Post popolari in questo blog

Marzia Sicignano - Aria o Io, te e il mare?

Fireflies. Stelle sulla terra di Debora Guzzo

Recensione: Goldwin Story - Il crogiolo dei sensi di Marco Sammarco