Ciao la conosci...


Benvenuti a una nuova puntata di questa Rubrica tutta per voi autori!

Questo è un vostro spazio dove poter dire quello che più preferite per farvi conoscere dai lettori!

Oggi con noi, c'è... Joy Clare Madness!


Se vuoi acquistare il suo romanzo clicca qui

Curiosità scelte per noi da Joy!


1)Sono un pitbull con un’anima romantica.
Contraddittorio ma vero.
Sono una persona molto volitiva e grintosa nella quotidianità ma quando scrivo mi trasformo nella mia essenza.
Quella sognatrice romantica che può spaziare e creare vite parallele, nelle quali perdersi, senza preoccuparsi delle conseguenze.

2)Ho iniziato a scrivere perché avevo l’ URGENZA di far sentire la mia voce.
Dovevo dire qualcosa con la stessa necessità con cui si corre in bagno: quando non resisti più è fisiologico!
Avevo bisogno di raccontare una storia e di viverla di pari passo con la protagonista, ridendo e piangendo con lei.
È stato terapeutico, mi ha aiutata ad esorcizzare le paure, a scontrarmi con i miei limiti e a capirmi meglio.
Un romanzo è soltanto il film: quello che non si vede è il viaggio interiore che è l'autore è “obbligato” a compiere quando riempie le pagine.


3)Se avete letto "IO, TE E IL CAOS" avrete assistito a tutte le disavventure di Sara Paselli. La protagonista è oggetto di molte scene quasi surreali ma quella della “deflagrazione del barattolo del caffè” credo le superi tutte!
Giusto perché sia messo agli atti… la vicenda è tratta da una storia vera! 
Vittima della figuraccia? La sottoscritta ovviamente.

4)La musica è...
No, non parlo dell'album di Romazzotti!
Tra le pagine scritte trapela il mio amore viscerale per la musica. I molteplici riferimenti sono frutto di una simbiosi imprescindibile con frasi e melodie.
Sembra che ogni canzone sia custode di una particolare emozione e che abbia il potere di congelare nel tempo quell'esatto momento. Le strofe e i ritornelli per me sono una fonte di ispirazione ineguagliabile.

5)Vorrei essere una virologa del comportamento umano per creare un vaccino contro le discriminazioni.
Sentirsi diversi, non accettati è una sensazione umiliante, che annichilisce la mente e annulla l'anima. E’ un’emozione distruttiva. La parità di genere è un DIRITTO, non una concessione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Marzia Sicignano - Aria o Io, te e il mare?

Fireflies. Stelle sulla terra di Debora Guzzo

Recensione: Goldwin Story - Il crogiolo dei sensi di Marco Sammarco