Il fiore dell'amore di Alberto Toniolo


Buongiorno cari lettori, oggi vi parlo di un'esperienza per me inedita, ho per la prima volta affrontato la lettura, se così si può dire di un romanzo in versione audiolibro! Ringrazio Alberto Toniolo, autore di "Il fiore dell'amore" per avermi fatto apprezzare a pieno questa lettura.

Se volete acquistare il romanzo cliccate qui





Il fiore dell’amore è un racconto delicato, profondo e commovente che descrive lo sbocciare di un amore sincero e assoluto. Una giovane ragazza inizia a lavorare in un piccolo locale. Il titolare del posto le appare da subito come un tipo poco raccomandabile. Ma una collega la rincuora; lei si impegna e se la cava piuttosto bene. Una sera conosce il Figlio di Esopo. E’ un uomo di rara bellezza, ha un sorriso contagioso, veste in modo impeccabile, e, scoprirà poco più tardi, declama favole incantevoli. Lei ne rimane sedotta. Non riesce a spiegarsi l'origine di quella sensazione nuova, ma sente di volerlo conoscere meglio. Trova il modo per parlargli e gli dichiara la sua passione. Alla fine della serata vanno a casa del figlio di Esopo. L' amore sboccia improvviso e la ragazza sente che la sua vita sta cambiando. Il figlio di Esopo la fa sentire viva come non mai. Il libro racconta l'amore nella sua forma più pura e spontanea; la gioia che nasce dal contatto dei corpi e la bellezza svelata dalla congiunzione delle anime; racconta il mistero che ci avvolge, il mistero della vita e della morte, il senso profondo del nostro esistere.

Pagine:31
Formato: Kindle 2,99 
Copertina 4,99 euro
Voto: 5/5









Ammetto di non essere una fan degli audiolibri, anche se ne riconosco l'utilità. Ma in realtà non sono neanche fan dei formati digitali, ma è una mia prerogativa, sono all'antica nonostante abbia solo 22 anni. 

Per questo motivo mi sono messa in gioco ascoltando l'audiolibro del romanzo di Alberto. Sarà la divisione dei ruoli o le voci che hanno reso giustizia ai personaggi, ma questo romanzo mi ha colpito. 
sin dai primi minuti mi sono sentita coccolare dalle sue parole. 

Una giovane ragazza, che lavora nel locale di Gino Moretti "il bocconcino" incontra una sera il figlio di Esopo, un uomo estremamente affascinante che inventa delle fiabe di cui subito si innamora.

L’ineffabile coniglio, sulle spalle del racconto, tingeva di blula parete del cosmo. La fanciulla allora, per non essere da meno, fragole in bocca, imbrattò di rosso, le labbra del tramonto.

Questa è una delle fiabe che inventa, tutte riconducibili a un determinato momento nella storia, tutte con il suo perché, è questa la parte che fa gola al lettore, non conosciamo l'identità dell'uomo, pian piano veniamo al corrente di alcuni avvenimenti che ci faranno conoscere meglio il personaggio così avvolto dalle nubi.

La giovane ragazza giorno dopo giorno è sempre più infatuata di lui, dei suo modo di parlare, dei suoi gesti ed attenzioni. 

Alberto oltre alla bellezza dell'essere innamorati ci racconta anche la caducità di questo sentimento.

 Da sempre, al tramonto, l’antico drago nasconde il sole. Tra i giunchi del fiume allora, l’anatra ribelle accende le stelle nell’ideogramma del finito.

Le fiabe create sono già di per sé un colpo di genio, se poi inserite nel contesto di un racconto breve con una forte morale ha tutte le carte in regola per essere adorato dalla prima all'ultima pagina. Vi consiglio caldamente la lettura, se potete fatelo con l'acquisto del formato audio, non ve ne pentirete! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Marzia Sicignano - Aria o Io, te e il mare?

Fireflies. Stelle sulla terra di Debora Guzzo

Recensione: Goldwin Story - Il crogiolo dei sensi di Marco Sammarco