Anime: Devilman Crybaby Vs Devilman

 Buongiorno cari lettori, oggi insieme al mio ragazzo abbiamo elaborato questo articolo con le differenze tra i due anime visti, io che avevo visto Devilman Crybaby e lui che aveva visto anche l'anime degli anni '80.




Sono due storie diverse, non solo per la trama sviluppata ma anche per il carattere dei personaggi. In Devilman Akira, il nostro protagonista ama difendere le altre persone, mentre in Crybaby il protagonista spesso si ritrova a piangere. 

Ryo invece in entrambe le serie ha un uguale temperamento, solo che in Crybaby esce maggiormente la sua vera essenza. 

Se notate alla puntata numero sette, intorno al diciannovesimo minuto, si trova il numero 666 sulla porta del suo appartamento.

Nel primo, i genitori del nostro protagonista sono morti durante una spedizione, attaccati dai demoni. Nel secondo invece, la loro morte è trattata con una parte maggiore di sensibilizzazione e dal lato umano.

Miki, nel Devilman degli anni '80 non era una sportiva, come invece è in Crybaby., in questo inoltre c'è un rapporto particolare tra lei e Akira. 

L'inizio per entrambi è lo stesso, una festa, evento scatenante ed Akira che si trasforma, anche se ho trovato troppo facile la sua trasformazione nel secondo.

Piccola curiosità:

Il doppiatore di Akira, Ivo De Palma è lo stesso che ha doppiato Pegasus ne " I cavalieri dello Zodiaco".


Pro e contro di Devilman CryBaby

Pro: Un finale, attuale, compassione, un ponderato bilanciamento tra l'essere umano e demone.  Riusciranno gli uomini ad accettare i demoni? O meglio i Devilman?

C'è un piccolo cameo del Devilman degli anni 70, quando c'è il piccolo Ryo.

Contro: disegno, cambiamento repentino di Akira, troppo uso del social, diventando un elemento distopico, la facile trasformazione, il doppiaggio non all'altezza del protagonista.


Pro e Contro Devilman

Pro: ben doppiato, splatter, non vi è troppa propaganda, scontri dettagliati e lunghi, crudo, i devilman si odiano a vicenda.

Contro: buon inizio, ben strutturato ma pessimo finale





Consigliato agli amanti dell'horror e dello splatter, per il primo, per avere una conclusione e un buon finale è preferibile in secondo. Per chi deciderà di vederli entrambi, potrà scorgere delle differenze abissali tra di loro, come se la storia venisse abbattuta e riscritta. Unendo le parti positive di entrambi l'anime sarebbe stato spettacolare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Marzia Sicignano - Aria o Io, te e il mare?

Fireflies. Stelle sulla terra di Debora Guzzo

Recensione: Goldwin Story - Il crogiolo dei sensi di Marco Sammarco