La custode di Yasodhara Leandri

Un libro da 5 stelle e molto di più, " La custode" di Yasodhara Leandri edito La ruota edizioni.


Trama:

Alex, una giovane newyorkese, pronta per la sua gita scolastica a Parigi, viene travolta da una serie di eventi imprevedibili che la porteranno a scoprire qualcosa su se stessa che non avrebbe mai immaginato. Un simbolo misterioso dietro la nuca, nuove sensazioni e un mondo tutto nuovo e complesso nel quale verrà catapultata di colpo. Un urban fantasy dove le energie del bene e del male si mostrano e si fondono come non mai, dove niente è come sembra e ogni personaggio nasconde il proprio piccolo o grande segreto da svelare.

Editore: La ruota edizioni
Prezzo: 10,90 euro cartaceo
Voto:5/5

Recensione: 

Non sapevo esattamente cosa aspettarmi da questa lettura, avevo un po' di paura per la grandezza del libro, dopo aver letto un libro molto deludente, il mio cervello pensava al peggio. Per fortuna, dalle prime pagine mi sono dovuta ricredere, in positivo. Vorrei tanto spendere due parole per la copertina, perché forse a te lettore che ancora non conosci questo libro potrebbe risultarti una comunissima copertina, ma per me che l'ho letto, ti assicuro che una volta chiuso non la penserai così. Ogni dettaglio è al posto giusto, la copertina trasuda da ogni immagine, colore, luce la storia di Alex, almeno in parte. 

Il romanzo è scritto dal punto di vista di Alex, ottima scelta perché fa scorrere così le pagine senza che tu te ne accorga. L'ambientazione cambia, da New York, passiamo alla bellissima Parigi e a un mondo fantastico che ha creato Yasodhara nei minimi dettagli. 

E' il primo libro di una serie di conseguenza è molto introduttivo e dettagliato, non per questo noioso. Le descrizioni ci sono, sono anche tante ma sono scritte in maniera così semplice che il lettore non può fare altro che godersele. 

I personaggi che ha creato sono a dir poco stupendi, ho amato alla follia Alex, come anche Jaden, penso sia uno dei miei personaggi preferiti insieme a Peter e Leila. Jaden non è un personaggio semplice da creare e tantomeno da amare, non so per quale motivo mi abbia preso così tanto, nonostante a volte mi prudevano le mani perché volevo prenderlo a pugni, penso sia uno dei personaggi più riusciti se mi ha fatto provare tutte queste emozioni contrastanti. 

Ammetto che spesso mi ha lasciato confusa, pensavo di sapere come andava a finire e invece accadeva quasi l'opposto. 

Il finale poi, da lasciarmi a bocca aperta. Consiglio il libro agli amanti del fantasy ma vi prego di non lasciare il libro dalle prime pagine, proseguendo con la storia diventa tutto più chiaro. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Marzia Sicignano - Aria o Io, te e il mare?

Fireflies. Stelle sulla terra di Debora Guzzo

Recensione: Goldwin Story - Il crogiolo dei sensi di Marco Sammarco